Bildinfo

Links: Ausschnitt aus dem Deckenfresko Federico Zuccaris in der ›Sala terrena‹ des Palazzo Zuccari, rechts: Ausschnitt aus dem Entwurf Giacomo Giollis für den Concorso Clementino 1706.

© Bibliotheca Hertziana (Gabriele Fichera) und Accademia di San Luca, Rom.

Lineamenta

Gli edifici hanno un ruolo molto particolare nello spazio pubblico, la loro percezione è immediata e eloquente. L'architettura ha la capacità di marcare i cambiamenti sociali e politici per il semplice fatto che si tratta di un'arte che ha una funzione. La rappresentazione del potere e la leggibilità dei cambiamenti sociali è più evidente in questa disciplina artistica che non in altre. Per un'analisi storico artistica che si trova ad affrontare rapporti di tale complessità è fondamentale avere la possibilità di analizzare fonti d'archivio, testimonianze scritte, materiale grafico per poter ricostruire la storia delle progettazioni e della costruzione di un edificio.

La grande quantità di schizzi e di disegni di edifici italiani e romani offrono le condizioni migliori per affrontare uno studio del genere. Sembrava quindi utile servirsi di scansioni ad alta risoluzione per poter confrontare virtualmente i disegni di architettura in modo da poter ricostruire le varie le fasi di progettazione e ancora per poter documentare gli edifici più antichi; e questo il motivo per il quale è stata istituita nel 2000 la banca dati Lineamenta. Progettata ai fini dello studio del disegno architettonico della prima Epoca Moderna,  il centro del suo interesse sono i disegni di architettura italiani e in particolare quelli del XVII e XVIII secolo realizzati da architetti italiani e stranieri durante i loro viaggi in Italia. Questi disegni sono conservati in diverse collezioni in Europa e nel Nord-America e le loro spesso complesse vicende all'interno delle collezioni appartengono alla storia culturale e ci fanno intuire lo straordinario ruolo che ha avuto il disegno architettonico per la diffusione della cultura architettonica italiana. La vasta dispersione del materiale rende molto difficile lo studio dei contesti in cui il disegno è stato realizzato e complica anche lo studio del disegno stesso. La banca dati Lineamenta mira a far ricongiungere virtualmente i disegni, di documentarli attraverso le parole e le immagini, di collegarli in rete con altre immagini, con materiale d'archivio e con le immagini dei rispettivi edifici e di mettere quindi il tutto a disposizione della ricerca. Grazie agli standard tecnologici molto alti lo studioso ha a disposizione una qualità dell'immagine quasi simile all'originale. In questo modo è possibile studiare i disegni di architettura sia in quanto opera d'arte e sia come materiale di progettazione che quale mezzo di comunicazione e di pubblicazione. Lo studioso può inoltre indagare il ruolo del disegno nella diffusione e nello sviluppo delle idee nell'architettura. In futuro sarà possibile avere a disposizione anche delle visualizzazioni e dei modelli in 3D dei disegni (vedi il modello realizzato sui disegni di Filippo Juvarra) nel contesto del programma EU Culture 2000 di Hermann Schlimme Günther Eger.

Quando è possibile i disegni vengono digitalizzati con la massima risoluzione anche in loco. Contemporaneamente vengono elaborati dei record per i disegni e rilevate le filigrane. Oltre alla registrazione dei dati inerenti ai disegni vengono raccolte indicazioni su persone, istituzioni, dati d'archivio e bibliografici e progetti tratti della bibliografia scientifica, creando in questo modo un fondo di dati riguardante l'architettura a Roma tra il XVII e il XVIII secolo.

Il progetto Lineamenta è stato il punto di partenza per lo sviluppo, all'interno dell'Istituto della banca dati ZUCCARO, . Nel 2007 insieme alla banca dati ArsRoma è stata creata un'unica piattaforma. Con la sua costruzione sono cresciuti enormemente i dati riferiti a disegni e edifici e anche quelli sulle persone. Il sistema è inoltre particolarmente adatto alle interrogazioni prosopografiche. Su richiesta di qualche collezione l'accesso ad alcuni ambiti è possibile solo attraverso una password e la versione di lavoro è consultabile via internet. E' stata costruita inoltre una skin dedicata per tutte e due le banche dati.  Grazie alla differenziazione di descrizioni e commenti ogni banca dati può essere indipendente a seconda delle esigenze di studio.

CIPRO

In aggiunta a Lineamenta è stata istituita la banca dati CIPRO (Catalogo illustrato delle piante di Roma online) che ha l'obiettivo di rilevare e registrare tutte le piante storiche di Roma realizzate tra il 1350 e il 1930 (vedi link). Accanto a questo lavoro verranno digitalizzate in maniera sistematica le incisioni degli edifici romani e le guide di Roma; questi dati verranno collegati alla banca dati. Questo materiale è accessibile anche attraverso il portale VERO (Vedute di Roma) Tutte le banche dati sono collegate a ZUCCARO.

Lineamenta

Responsabile: 
Prof. Dr. Elisabeth Kieven

Collaboratori scientifici:
PD Dr. Hermann Schlimme
schlimme(at)biblhertz.it