Streifenkatalog

Le schede cartacee del «Streifenkatalog» sono scritte su striscette a mano e a macchina e sono conservate in scatole divise per soggetto e ordinate secondo il sistema di collocazione dei libri in uso fino al 1964. Dopo quella data i libri sono stati ordinati secondo un nuovo sistema ancora oggi valido mentre il catalogo a soggetto ha mantenuto fino al 1985 le indicazioni del vecchio sistema di collocazione. Anche gli articoli pubblicati in modo non autonomo sono stati inseriti in questo sistema. Nello «Streifenkatalog» non si trovano le pubblicazioni inerenti ad artisti italiani o alla topografia italiana che sono stati registrati nei cosiddetti «Bandkataloge», i cataloghi a forma di volumi.


Cataloghi a volume

I volumi verdi raccolgono i titoli sulla topografia italiana, i volumi rossi sulla topografia della città di Roma, i volumi blu i titoli sugli artisti italiani e i volumi marroni i titoli sulla storia dell'arte italiana; l'ordine è alfabetico. Sono compresi anche saggi, monografie e cataloghi di mostre.


Microfiche dei cataloghi a volume (fino al 1985)

I volumi dei cataloghi dei volumi verdi, rosso e blu sono stati riprodotti in microfiche. 


Cataloghi a stampa della biblioteca

Per la redazione dei cataloghi a stampa è stato utilizzato il catalogo a schede della biblioteca (anno 1985): catalogo della  Bibliotheca Hertziana, Istituto Max Planck per la storia dell'arte, Roma; sezione 1: catalogo sistematico, topografico, 16 volumi; sezione 2: catalogo alfabetico, 33 volumi, sezione 3: cataloghi di articoli ordinati per autore, 8 volumi, Wiesbaden: L. Reichert 1985-1989.

Il contenuto degli otto volumi del catalogo dei saggi (sezione 3) ha ancora oggi una sua validità in quanto non è stato ancora completamente trasferito nel catalogo online KUBIKAT.


L’OPAC locale precedente al KUBIKAT (1998-2011)

Il primo OPAC della Bibliotheca Hertziana, reso disponibile online nel 1998, si basava sul sistema ALLEGRO. La catalogazione con il sistema ALLEGRO si è conclusa il 16 giugno 2011. Da quel momento i record del KUBIKAT sono migrati nel database del BVB e la biblioteca è passata al sistema ALEPH. Il nuovo OPAC KUBIKAT è quindi basato su ALEPH. Il patrimonio della Bibliotheca Hertziana non è piú consultabile singolarmente all’interno del KUBIKAT ma come facente parte dell’insieme dei record dell’OPAC. E’ comunque possibile effettuare ricerche nel patrimonio della Bibliotheca Hertziana utilizzando l’apposito filtro di ricerca.