Events

The Layouts of Paratexts in 16th-century Learned Books

Research Seminar
Early printed books experimented with more numerous and varied kinds of paratexts than were common in medieval manuscripts, including title page, pagination, dedications, addresses to the reader, indexes and tables of contents, dichotomous diagrams, poems, prayers, privileges and permissions, authors’ portraits, errata, registers, and printers’ marks. [more]

Lancio della collezione digitale di controcultura

Pubblicazioni rare sull’arte e la politica in Italia negli anni Sessanta e Settanta dall’archivio della Fondazione Echaurren Salaris accessibili online
Negli anni Settanta, l’artista Pablo Echaurren fu uno dei protagonisti della controcultura visiva. Come collezionista è riuscito a creare il più importante archivio di documenti della creatività politico-artistica post-68. I fondi raccolgono fanzine, volantini, disegni, manoscritti, fotografie e soprattutto riviste quali A/Traverso, Viola e Oask?!, oggi quasi irreperibili, come anche il lavoro dell’artista degli anni Settanta, in particolare i suoi acquarelli, smalti, quaderni di appunti, disegni e fotografie. Grazie a questo archivio si può comprendere un decennio chiave della storia dell’Italia contemporanea. [more]

Film Seminar "Riscritture cinematografiche: aspetti socio-economici, narrativi e di ricezione del remake"

"Vertigo" (A. Hitchcock, 1958) / "La Jetée" (C. Marker, 1962) / "Twelve Monkeys" (T. Gilliam, 1995): gradi di intertestualità nella pratica del remake
Nonostante il remake appaia già con gli inizi del cinema, esso si rivela essere un esempio chiave anche per comprendere la cinematografia contemporanea. Il significato di copia, gli interessi commerciali nelle decisioni dell'industria o il rapporto tra cinema e spettatore, sono alcune delle questioni che emergono mediante l’analisi delle nuove condizioni di produzione e diffusione. [more]

Seminar Series: Reflections on the Digital Turn in the Humanities and the Sciences

Seminar 7. Between Physical Lockdown and Unparalleled Virtual Wanderings: Reflections on the Impact of the Pandemic on the Digital Turn
In the early modern period, a new visual culture was generated as a result of new media (as a result of the printing press); new tools of observing the world (such as telescopes and microscopes); and new questions about nature and the world. Similarly, one could argue that the current development of digital media (such as the internet, and online publication options) and digital tools (such as online catalogues and databases, or 3D modelling software) has led to new ways of finding answers and resources. [more]
"Benché senza colori abbino tutta la forza dell’arte". In questo modo, nel 1590, Giovanni Paolo Lomazzo descriveva le opere realizzate a chiaroscuro, restituendo tutta la complessità teorica di un’opera pittorica eseguita con una tavolozza ridotta. Una pittura così realizzata, infatti, assume un singolare vigore espressivo in virtù dell’assenza della consueta policromia a suggerire i colori della realtà. [more]

Film Seminar "Milano/Napoli: un dialogo cinematografico tra due metropoli italiane"

4° incontro: "Io sono l'amore" (L. Guadagnino, 2009)
Napoli e Milano sono spesso considerati poli antitetici della rappresentazione dell’identità nazionale italiana. Come il cinema ha contribuito a cristallizzare una precisa "identità" di queste due realtà urbane? Quali specificità nella costruzione filmica della spazialità urbana si possono rilevare? Il presente ciclo di incontri è stato progettato per costruire una piattaforma di discussione pubblica dei risultati provvisori del progetto di ricerca incentrato sul rapporto tra spazio urbano e rappresentazione filmica. [more]

Knotting Time: Lace, Labor and Gender in Italy

Research Seminar
In late 19th-century Italy, lacemaking was seen as a reclamation of the Italian past and the key to its industrial future. As the lace revival set thousands of women to work, however, the female lacemaker remained an ambiguous figure. [more]
The 6th International postdoctoral Conference by the Rome Art History Network focuses on the problem of reproducing, representing, or copying Michelangelo’s sculpture from the 16th century to today between artistic practice and criticism. [more]
This project aims to create a 3D map of late medieval and Renaissance Rome in order to explore the interconnectedness of sight and sound, topography, and movement in the city by analyzing acoustics, ballistics, and defensive systems. [more]

Roma, Atene e l'Europa. Tutela delle antichità e mercato d’arte tra fine '700 e primo '800

Research Seminar
Tra fine ‘700 e inizio ‘800 gli interessi di collezionisti, eruditi e mercanti d’arte in Europa rilevarono un cambio di rotta dalle antichità di Roma a quelle di Atene. Oltre al diffuso rinnovamento di gusto in atto, è possibile ricollegare tale nuova tendenza all’emanazione di leggi severe per il controllo del mercato d’arte? [more]
I Musei Capitolini offrono uno spunto per riflettere sulle trasformazioni avvenute nelle pratiche di restauro delle antichità a Roma tra fine ‘700 e inizio ‘800, anche nella prospettiva di recuperare episodi poco noti della storia del museo stesso. [more]

Film Seminar "Riscritture cinematografiche: aspetti socio-economici, narrativi e di ricezione del remake"

Il video-saggio come remake. Riflessioni a partire da "Il profumo della signora in nero" (F. Barilli, 1974)
Nonostante il remake appaia già con gli inizi del cinema, esso si rivela essere un esempio chiave anche per comprendere la cinematografia contemporanea. Il significato di copia, gli interessi commerciali nelle decisioni dell'industria o il rapporto tra cinema e spettatore, sono alcune delle questioni che emergono mediante l’analisi delle nuove condizioni di produzione e diffusione. [more]

Conference: Diagrams in Science, Science in Diagrams

Diagrammatic forms of visualization are ubiquitous in scientific publications, as well as in popular mediations of scientific contents. Every computer interface relies on diagrammatic forms, combining textual and graphical elements. Diagrams abstract and encode information. They are indispensable in many scientific contexts, and, together with charts and graphs, also in the daily media, reaching a wide audience of experts and non-experts. [more]
"Only anthropophagy unites us", Oswald de Andrade stated in the first verse of his seminal Manifesto Antropófago of 1928. While it is a foundational part of the Brazilian modernist discourse, starting with the Semana de Arte Moderna of 1922, and has been recently adopted by transcultural and postcolonial approaches, the current call for a decolonization of Art History invites to reread the Manifesto and ask whether regurgitating Cannibalism can still be a critical tool. [more]
Go to Editor View