Dr. Fernanda Marinho

Ricercatrice post-dottorato

Interessi di ricerca

  • Brazilian Modernism
  • Influences of Italian Fascism on Brazilian Modernist Taste
  • Classicism in Discourses of Modernism
  • The Nostalgia of Italian Immigrants in Brazil
  • The Formation of the Contemporary Art Museum of São Paulo

Progetto di ricerca

Brazilian Modernism and the Italian Paradigm. The Commemorative Exhibition of the Fiftieth Anniversary of Official Immigration

Pubblicazioni (Selezione)

  • "Lionello Venturi e Oswald de Andrade: um encontro entre o primitivo e o canibal", in El Renacimiento italiano desde América Latina (conference proceedings, Oaxaca, México, 2015), ed. by Clara Bargellini et al., Universidad Nacional Autónoma de México. Instituto de Investigaciones Estéticas, 2018, URL: http://www.ebooks.esteticas.unam.mx/items/show/55 (accessed 28.01.2020). 
  • (with Letícia Squeff), "De Giotto aux indigènes civilisés: le primitif dans les horizons modernistes entre Italie, France et Brésil", Brésil(s). Sciences humaines e sociales, 14 (2018), URL: http://journals.openedition.org/bresils/3920 (accessed 28.01.2020). 
  • "A iconografia mariana no Cinquecento italiano e flamengo e o debate em torno do Maneirismo", Figura. Studi sull`Immagine nella Tradizione Classica, 3 (2015), pp. 53–77.
  • "The anthology of mannerism and the rhetoric category of Eugenio Battisti's L'Antirinascimento", Figura, 3 (2015), pp. 201–225.
  • "A Virgem amamentando o Menino e São João Batista criança em adoração, do Museu de Arte de São Paulo", Revista de História da Arte e Arqueologia, 14 (2010), pp. 57–90.

Pubblicazioni (ricerca OPAC)

Curriculum vitae

Fernanda Marinho si è dottorata nel 2013 in Storia dell'Arte presso l'Università di Campinas, Brasile, con un anno di ricerca presso la Scuola Normale di Pisa. La sua tesi di dottorato è incentrata sul libro L'Antirinascimento di Eugenio Battisti e la critica d'arte italiana del Novecento sul Manierismo. Per la sua laurea triennale presso l’Università di Rio de Janeiro (2006) e per la laurea magistrale presso l’Università di Campinas (2008), Marinho ha studiato le pitture rinascimentali appartenenti a collezioni brasiliane pubbliche e private di opere di artisti come Mabuse, Michele Tosini, Botticelli e Giampietrino. Dal 2014 al 2018, in ambito del suo post-dottorato presso l'Università Federale di São Paulo e il Musée du Louvre, si è dedicata allo studio dei punti di contatto tra i concetti di primitivo, sauvage e cannibale nell'ambito della storiografia artistica italiana, del Surrealismo francese e dell'Antropofagia brasiliana, rispettivamente. Nel 2018 è stata assistente curatore della mostra Raffaello e la Definizione della Bellezza tenutasi a São Paulo (FIESP). Presso la Bibliotheca Hertziana a Roma Marinho conduce ricerche sui rapporti tra il modernismo brasiliano e il programma culturale italiano legato a Mussolini nella mostra italiana per il cinquantenario dell'emigrazione in Brasile nel 1937.

Go to Editor View