La Bibliotheca Hertziana – Istituto Max Planck per la storia dell'arte promuove la ricerca in ambito della storia dell'arte e dell'architettura italiana e globale. Nata da una fondazione privata da parte di Henriette Hertz (1846–1913), venne inaugurata nel 1913 come centro di ricerca della Kaiser-Wilhelm-Gesellschaft. Oggi la Bibliotheca Hertziana fa parte degli istituti del settore degli studi umanistici della Società Max Planck ed è considerata uno dei più rinomati istituti di ricerca al mondo per la storia dell'arte.

Mission

La Bibliotheca Hertziana – Istituto Max Planck per la storia dell'arte promuove la ricerca in ambito della storia dell'arte e dell'architettura italiana e globale. Nata da una fondazione privata da parte di Henriette Hertz (1846–1913), venne inaugurata nel 1913 come centro di ricerca della Kaiser-Wilhelm-Gesellschaft. Oggi la Bibliotheca Hertziana fa parte degli istituti del settore degli studi umanistici della Società Max Planck ed è considerata uno dei più rinomati istituti di ricerca al mondo per la storia dell'arte.
Le attività di ricerca promosse dal Dipartimento Michalsky si rivolgono all'ambito geografico dell'Italia Meridionale, in particolare alla città e al Regno di Napoli, e al bacino mediterraneo. Al centro degli interessi è la comprensione storica dello spazio tra il Medioevo e l'Età Moderna.

Città e Spazio nel Medioevo e nell'Età Moderna

Le attività di ricerca promosse dal Dipartimento Michalsky si rivolgono all'ambito geografico dell'Italia Meridionale, in particolare alla città e al Regno di Napoli, e al bacino mediterraneo. Al centro degli interessi è la comprensione storica dello spazio tra il Medioevo e l'Età Moderna.
Gli interessi di ricerca del dipartimento Weddigen sono principalmente rivolti a collegare globalmente l'arte italiana dalla prima età moderna al contemporaneo e ad approfondire la storia della scienza in questo campo nonché la storia dell'arte digitale.

Storia dell'arte moderna in un contesto globale

Gli interessi di ricerca del dipartimento Weddigen sono principalmente rivolti a collegare globalmente l'arte italiana dalla prima età moderna al contemporaneo e ad approfondire la storia della scienza in questo campo nonché la storia dell'arte digitale.
La Biblioteca riunisce una delle collezioni più importanti al mondo di letteratura scientifica e fonti sulla storia dell'arte e della cultura post-antica italiana e del bacino del Mediterraneo, oltre a un archivio di lasciti di prominenti studiosi. Costituita nel tardo XIX secolo quale biblioteca della mecenate Henriette Hertz, la collezione comprende un ampio spettro di forme di pubblicazione che va dai rari incunaboli alle edizioni interamente digitali.

Risorse scientifiche: biblioteca

La Biblioteca riunisce una delle collezioni più importanti al mondo di letteratura scientifica e fonti sulla storia dell'arte e della cultura post-antica italiana e del bacino del Mediterraneo, oltre a un archivio di lasciti di prominenti studiosi. Costituita nel tardo XIX secolo quale biblioteca della mecenate Henriette Hertz, la collezione comprende un ampio spettro di forme di pubblicazione che va dai rari incunaboli alle edizioni interamente digitali.
La fototeca dispone di un patrimonio di oltre 860.000 fotografie e negativi, nonché scatti digitali sull’arte italiana dalla tarda antichità fino ad oggi. A comporre il nucleo tematico della collezione sono le sezioni dedicate alla topografia di Roma, agli artisti, ai disegni di architettura, ai disegni da sculture antiche e il Corpus Photographicum of Drawings (Corpus Gernsheim).

Risorse scientifiche: fototeca

La fototeca dispone di un patrimonio di oltre 860.000 fotografie e negativi, nonché scatti digitali sull’arte italiana dalla tarda antichità fino ad oggi. A comporre il nucleo tematico della collezione sono le sezioni dedicate alla topografia di Roma, agli artisti, ai disegni di architettura, ai disegni da sculture antiche e il Corpus Photographicum of Drawings (Corpus Gernsheim).

Attualità


  Events

Il cantiere del cinquecento: architettura a decorazione. I. Roma

Prenotazione obbligatoria entro il 25.11 per la giornata del 26.11
25.11.2019 14:00 - 27.11.2019 18:00
Istituto Svizzero di Roma, Musei Vaticani, Bibliotheca Hertziana

Staging the Silver Mountain of Potosí in Antwerp: Peter Paul Rubens's Arch of the Mint for the Entry of Cardinal-Infante Ferdinand (1635)

Christine Göttler
Admission until 11:30
03.12.2019 11:00 - 13:00
Villino Stroganoff, Via Gregoriana 22, 00187 Rom

Baroque Rome between Old and New Worlds: Rethinking Relationships between Knowledge, Art and "Industria"

Sabina Brevaglieri
Admission until 14:30
03.12.2019 14:00 - 16:00
Villino Stroganoff, Via Gregoriana 22, 00187 Rom

Geografie della migrazione III: La ragazza con la pistola (Mario Monicelli, 1968)

Prenotazione obbligatoria / L'entrata verrà chiusa 30 minuti dopo inizio
04.12.2019 - 05.12.2019
Villino Stroganoff, Via Gregoriana 22, 00187 Rom

Eye to eye with a 350-year old cow: Leeuwenhoek's specimens and original microscope reunited in historic photoshoot

16. Ottobre Mercoledì

What may be the earliest surviving objects seen by microscope – specimens prepared and viewed by the early Dutch naturalist Antoni van Leeuwenhoek – have been reunited with one of his original microscopes for a state of the art photoshoot.

altro

Orari di apertura & ammissione

I fondi della biblioteca e della fototeca sono consultabili dal lunedì al venerdì dalle ore 9:30 alle ore 20:00. L'ingresso alla biblioteca è in via Gregoriana 30 ed è possibile accedervi solo presentando una valida tessera di ammissione.

altro

Collocazioni non disponibili

Le collocazioni K, L, KatE sono temporaneamente non accessibili. Ci scusiamo per il disagio.

Nuove pubblicazioni


Media


Hertziana Insights - Rome Contemporary

Video

Il nuovo video format Hertziana Insights volto a raccontare le attività scientifiche della Bibliotheca Hertziana. Il primo episodio della serie è dedicato al progetto di ricerca Rome Contemporary. Il video è stato realizzato in collaborazione con Land Comunications.

Workshop "Travelling Maps" (Day 1)

Video

La conferenza internazionale "Travelling Maps. Cartography’s nomadic languages across art, literature, politics and media" mira ad ampliare gli orizzonti di ricerca sviluppati negli ultimi anni attorno al dispositivo cartografico, ad approfondire le metodologie della cosiddetta "svolta cartografica" e a rivedere le sue categorie di analisi in un'interazione interdisciplinare.

Lezione in memoria di Henriette Hertz di Giovanna Zapperi

Video

Verso una storia mediatica del movimento di liberazione delle donne. Delphine Seyrig e Early Video in Francia.
Questa conferenza si basa sul progetto di ricerca e mostra in corso sull'eredità dell'attrice, video maker e attivista francese Delphine Seyrig.

Go to Editor View